Visite: 42145

LE ORIGINI DI MELENDUGNO - I SUOI EROI

La storia di Melendugno ha inizio in tempi assai remoti, come dimostrano i reperti preistorici e i due dolmen risalenti all'eneolitico.
L'angolo del territorio più ricco di storia è senz'altro Rocavecchia.
Il sito, frequentato dall'uomo sin dalla preistoria, può vantare tre città fortificate, costruite l'una sulle macerie dell'altra, come la Troia omerica.
La più antica risale al XVII-XVI sec. a.C. E' l'unica in tutta Europa ad avere le mura di conci e bolo. La recente scoperta è del prof. Cosimo Pagliara dell'Università di Lecce.
La città, stando ai resti e alle tracce ritrovate, fu distrutta da un incendio. Qualche secolo dopo, sorse la Roca dei Messapi.
I Messapi, secondo alcune fonti, erano di origine cretese, secondo altre, di origine illirica. L'Illiria corrisponde, approssimativamente, all'attuale Albania, le cui coste sono a sole 37 miglia da Roca.
Sui Messapi importanti scoperte e rinvenimenti sono stati operati dal prof. Pagliara. Nella grotta marina detta Poesia Piccola, antico tempio del dio Thaotor Andiras, (il Tutor Adraius dei Romani) sono state scoperte numerosissime iscrizioni rupestri in lingua messapica, greca e latina. Attraverso gli studi congiunti di archeologi e filologi, si sta cercando di aprire uno spiraglio per conoscere l'antico popolo del Salento che attualmente appare ben più misterioso di quello Etrusco.
Nel XIV sec. d.C., sempre nello stesso sito, Roca risorge ad opera di Gualtieri VI di Brienne, ma ancora una volta, Roca sarà messa a ferro e fuoco dall'esercito di Maometto II (estate del 1480).
Per un certo periodo Roca fu sede di seguaci di Basilio di Cesarea. Giunti sulle coste meridionali in più ondate (forze anche per sfuggire alle persecuzioni iconoclaste), conducevano vita eremitica o più spesso cenobitica, abitando in sistemi di grotte ipogee di cui la zona di Roca è ricca.
Sotto i Normanni, i basiliani - che non erano un ordine propriamente inteso - innalzarono le loro abbazie e si svilupparono e si diffusero rapidamente nel meridione nel volgere di un secolo; diedero grande impulso sia all'agricoltura, sia alla letteratura, contribuendo in modo incisivo al sorgere dell'Umanesimo.
A Melendugno fondarono l'Abbazia di San Niceta di cui rimane solo la chiesetta con pregevoli affreschi databili dal XIV al XVI sec. Nel trittico absidale, si può vedere la più antica raffigurazione della Madonna di Loreto che si conosca in Italia (R. Carrozzini) del cui culto, però, attualmente non v'è traccia a Melendugno.

Dopo la caduta di Roca, a pochi chilometri dall'antica città, fu costruito un nuovo insediamento fortificato detto Rocanuova. La zona era malsana e gli abitanti non ebbero vita facile. Con un decreto del 25.11.1808, sotto il regno di Giuseppe Napoleone, re di Napoli, veniva istituito il Comune di Melendugno, con le frazioni di Roca e di Borgagne. La città fu abbandonata del tutto nel XIX sec. L'Amministrazione Comunale nel 2008 ha concluso un importante progetto di recupero, che ha restituito alla fortificazione di Roca l`antico splendore. Tutto il borgo che sorgeva intorno alla fortezza inoltre e` stato restaurato. Oggi il sito di Roca Nuova e` pronto per ricevere visite guidate e per ospitare eventi culturali, oltre che splendida cornice per celebrazione di matrimoni civili.

 

Si allegano gli elenchi dei cittadini melendugnesi e borgagnesi caduti nei due conflitti mondiali.

 

Allegati:
Scarica questo file (Caduti guerre.pdf)Caduti guerre.pdf[ ]43 kB

Nuova Programmazione stagione di prosa 2018-2019 presso il cinema teatro Nuovo Cinema Paradiso

Per tutte le informazioni in merito alla stagione si prega di cliccare su: http://www.teatropubblicopugliese.it/melendugno

Visite: 35

Reperibilità denunce di decesso DICEMBRE 2018

Reperibilità Ufficio Stato Civile (Denunce di decesso) per il mese di dicembre 2018.

Visite: 418

Concluso il trasferimento degli uffici comunali da via San Nicola a piazza Risorgimento

In data 21 Novembre 2018 si è completato il trasferimento a piazza Risorgimento di tutti gli uffici e i settori comunali.

La sede di via San Nicola pertanto non ospita più, data tale data, alcun ufficio.

Visite: 4652

Uffici Comunali Orari di apertura al pubblico

DAL 1-09-2018 AL 30-05-2019 GLI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI SONO I SEGUENTI:

 

DALLE ORE 8.30 ALLE ORE 13.00

 

POMERIGGIO SOLO GIOVEDI' DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 18.00

 

MARTEDI'  CHIUSO AL  PUBBLICO

GIOVEDI' MATTINA CHIUSO AL PUBBLICO

Centralino 0832 832111

Fax  0832 832545

PEC:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

email ordinaria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

torna all'inizio del contenuto